Analytical Group si insedia presso il Polo Tecnologico di Navacchio: sempre più stretta la partnership con Cubit

giovedì, 12 aprile 2018

 

La presentazione si terrà il 19 aprile alle 10 presso l’auditorium dell’Incubatore del Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa)

 

Analytical Group annuncia l’apertura di una propria sede presso il Polo Tecnologico di Navacchio. Con questo passo Analytical, gruppo leader a livello nazionale nel testing e nella certificazione, assumerà la gestione della camera anecoica – unica per dimensioni nell’area del centro-sud Italia – andando a completare il set-up della propria offerta nel settore elettromeccanico, mentre Cubit, laboratorio di ricerca innovativo nelle tecnologie per le telecomunicazioni e IoT, sarà investito del ruolo di competence center per il gruppo relativamente alla Ricerca e Sviluppo in ambito IoT.

Sono gli ottimi risultati raggiunti in questi due anni di collaborazione ad avere spinto Analytical Group e Cubit a scegliere di strutturare e rafforzare la loro partnership. Risale infatti al 2016 il primo step strategico in questa direzione. L’unione delle rispettive competenze ed accreditamenti internazionali ha permesso di mettere a punto un servizio completo, con tempi di risposta rapidi, integrando in un’unica offerta diversi tipi di prove e normative.

Oggi Analytical Group e Cubit costituiscono insieme un punto di riferimento sul territorio nazionale nel Testing e Certificazione, con un bilancio assolutamente positivo in termini di posizionamento, fatturato e numero di clienti nel settore elettromeccanico.

L’operazione permetterà di offrire un miglior servizio al cliente, rendendo più snello ed efficace il processo delle attività di certificazione. Analytical Group arricchisce la propria offerta, con l’individuazione in Cubit di un competence center qualificato per la Ricerca e Sviluppo in ambito IoT, settore in forte crescita con una domanda in aumento per servizi specifici. Il next step sarà a breve l’accreditamento della camera anecoica per le misure radio, che andrà a completare il percorso di sviluppo del laboratorio di misura.

“L’attività svolta da più di un decennio nello sviluppo di nuove tecnologie, con particolare riferimento alle reti wireless di sensori ed ai sistemi di riconoscimento a radiofrequenza (RFID) trova oggi riconoscimento nella scelta di un grande gruppo come Analytical –  spiega il presidente di Cubit, prof. Giuliano Manara. “Grazie alla solida esperienza nelle applicazioni dell’elettronica embedded all’Internet delle Cose, Cubit assume oggi a pieno titolo il ruolo di competence center di Analytical per la Ricerca e Sviluppo in ambito IoT. Valore aggiunto per le aziende saranno anche le competenze del team nel settore dei progetti di ricerca e innovazione finanziata. Esprimo a nome del CdA di Cubit piena soddisfazione per il raggiungimento di questo traguardo”.

Per il Direttore del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa, Prof. Giuseppe Anastasi, “la collaborazione tra Analytical e Cubit è un modello di ciò che con i CrossLab dovrà avvenire nel prossimo futuro tra imprese e ricerca”.  I CrossLab, finanziati dal MIUR con il bando “Dipartimenti di Eccellenza”, sono sei laboratori che vedranno la luce nei prossimi 5 anni  per coprire tutte le aree chiave di industria 4.0, mettendo a disposizione delle imprese ricerca e tecnologie abilitanti per innovare modalità di lavoro e di produzione.

E’ gradita conferma iscrive ndosi ​​qui

​​Ufficio stampa: Daniela Salvestroni
Clicca qui per scaricare l’invito: INVITO 19 APRILE

Online la Newsletter n.5 del progetto POWER

giovedì, 1 febbraio 2018

È uscita la nuova newsletter del progetto POWER. Ecco i contenuti principali:

  • 4 nuove comunità per una migliore gestione delle risorse idriche nelle città
  • un breve video sulla conservazione e sicurezza delle zone umide urbane della città di Leicester
  • nuove pubblicazioni riguardanti la water governance
  • la gestione delle piogge intense nel contesto urbano
  • soluzioni innovative per fronteggiare le esondazioni dei fiumi
  • eventi POWER in calendario

Clicca qui per leggere la newsletter: http://p358594.mittwaldserver.info/index.php?id=34

 

 

POWER in breve:

Il progetto  “Political and sOcial awareness on Water EnviRonmental challenges” (POWER) è finanziato dall’Unione Europea all’interno del programma Horizon 2020. Il consorzio POWER comprende un totale di 12 partner, compreso CUBIT, quattro istituti di ricerca che si occupano di questioni ambientali, sociali e governative, due PMI innovative, due organizzazioni  Europee e quattro città di prova. Il progetto dura 48 mesi (Dicembre 2015-Novembre 2019) ed è finalizzato alla realizzazione di prodotti e servizi digitali per la sensibilizzazione dei cittadini e iniziative basate su nuove politiche di water management.

Per ulteriori informazioni: http://www.power-h2020.eu

 

 

Il Professor Giuliano Manara, Presidente Cubit, al MEET 2017

venerdì, 27 ottobre 2017

Il professor Giuliano Manara, presidente di Cubit, è stato invitato a partecipare a MEET 2017, il meeting internazionale sulle tecnologie EM organizzato da IDS a Roma a fine settembre. La conferenza di 2 giorni ha riunito i membri della comunità mondiale del settore, provenienti da industria, università e istituti di ricerca, istituzioni governative e forze armate, con lo scopo di condividere esperienze ed idee e creare opportunità di networking.

Con oltre 150 partecipanti provenienti da paesi di tutto il mondo, tra cui USA, Cina, Germania, India, Regno Unito e Belgio, i lavori del MEET 2017 sono iniziati con la tavola rotonda “How EM technologies boost today’s world”, con i rappresentanti di IDS, ONERA, INGV, Electro Magnetic Applications Inc. (EMA) e Siemens PLM Software. Le sessioni hanno visto molti keynote speech su temi quali “Realizing the Digital Twin” e “Advanced Electromagnetics for the Internet of Things and Short-Range Communications”, oltre a  presentazioni e case studies su Advances and Trends in EM Modeling Methods, Antennas, E3 and EM Spectrum Operations, radar applications, the Internet of Things (IoT) and Industry 4.0. Il meeting si è concluso con una tavola rotonda su “Aerospace and Defense EM Technologies”.

Online la nuova Digital Social Platform POWER per la gestione sostenibile delle risorse idriche

mercoledì, 18 ottobre 2017

Volete migliorare la gestione dell’acqua a livello di amministrazione locale? Se l’acqua potabile nel vostro comune è scarsa o se la popolazione è in pericolo a causa delle inondazioni, ecco la nuova Digital Social Platform (DSP) POWER: una soluzione interattiva e ricca di informazioni su questioni relative alla gestione delle risorse idriche, utilizzata per comunicare problemi e soluzioni ai decision makers, agli stakeholders e al pubblico. La piattaforma è online ed accessibile a tutti, per aumentare la consapevolezza sia della popolazione che delle amministrazioni.

L’innovativa piattaforma sociale digitale è stata creata nell’ambito del progetto Europeo POWER (Political and sOcial awareness on Water EnviRonmental challenges), di cui fanno parte numerosi soggetti: tra gli altri, la rete di città che fanno capo a Climate Alliance, le città britanniche di Leicester e Milton Keynes, nonché le due società di approvvigionamento idrico di Gerusalemme (Israele) e Sabadell (Spagna). Il progetto si avvale della grande esperienza delle quattro autorità locali coinvolte per migliorare diversi aspetti legati al consumo e ai rischi legati all’acqua a livello locale.

La digital social platform POWER è creata con lo scopo di condividere le best practices, per esplorare e discutere le diverse esperienze con gli altri utenti, grazie all’ampia rete di città che fanno parte del progetto POWER. Sulla piattaforma sono raccolte molte informazioni come, ad esempio, eventi meteorologici eccezionali, riduzione dei consumi idrici, miglioramento della qualità dell’acqua e variabili legate alla conservazione dell’acqua.

Info:

Contatti:

I principali obiettivi delle città che partecipano al progetto POWER

Gerusalemme: tramite Hagihon, water utility a livello regionale, la città vuole promuovere comportamenti di conservazione dell’acqua e di risparmio idrico e migliorare la consapevolezza sulla qualità dell’acqua tra i cittadini.

Entrando a far parte della water community di Gerusalemme è possibile:

  • Segnalare immediatamente eventuali danni alle tubature delle acque urbane
  • Partecipare alla trasformazione di Gerusalemme in una città verde e fiorente, diffondendo maggiore conoscenza sull’irrigazione dei giardini ed il risparmio dell’acqua
  • Far parte del programma educativo di Hagihons
  • Imparare a gestire e garantire la qualità dell’acqua a casa propria. La qualità dell’acqua è indispensabile per la salute e il benessere delle persone.
  • Condividere esperienze e conoscenze
  • Collaborare alla gestione dei Community Gardens

Anche Milton Keynes  deve fronteggiare la scarsità delle risorse idriche; l’obiettivo è quindi quello di ridurre il consumo totale di acqua con l’aiuto di incentivi per migliorare la consapevolezza sociale della collettiività.

Entrando a far parte della water community di Milton Keynes è possibile:

  • Scoprire perché è necessario risparmiare acqua a Milton Keynes
  • Conoscere idee e consigli per ridurre il consumo di acqua
  • Informarsi sui progetti scolastici e sulle risorse educative in tema di water management
  • Creare una smart community a Milton Keynes

Leicester mira a rafforzare la consapevolezza riguardo agli eventi meteorologici estremi, perché è soggetta ad alluvioni ed inondazioni di acque superficiali. Fornisce ai cittadini informazioni in tempo reale sui livelli delle acque dei fiumi  e avverte preventivamente sui livelli della rete fognaria in specifiche aree della città.

Entrando a far parte della water community di Leicester è possibile:

  • Scoprire il rischio di alluvione della propria abitazione a Leicester, del proprio quartiere e della città
  • Diventare #floodprepared grazie alle esperienze della #floodpreparedcommunity di Leicester
  • Essere coinvolti fornendo feedback e condividendo le proprie esperienze con la  #floodpreparedcommunity
  • Prepararsi ad agire nella #floodpreparedcommunity

Sabadell l’acqua viene distribuita in due modalità: come acqua potabile e come acqua non potabile. Il distributore CASSA vuole coinvolgere attivamente i cittadini attraverso l’implementazione di un sistema di informazioni che consente di essere aggiornati in tempo reale sulla qualità e sulle condizioni del servizio.

Entrando a far parte della water community di Sabadell è possibile:

  • Conoscere la qualità dell’acqua a Sabadell
  • Scoprire come Sabadell riduce i consumi di acqua
  • Partecipare a tutte le fasi del ciclo dell’acqua, in particolare la qualità e l’utilizzo di risorse alternative
  • Seguire il progetto I+D sul ciclo dell’acqua, che si svolge a Sabadell
  • Condividere le azioni di Sabadell riguardo alla gestione dell’acqua e quelle di altre città europee
  • Impegnarsi, partecipare e contribuire in un modello di gestione delle risorse più efficiente, riducendo così l’impatto dei cambiamenti climatici

Online il nuovo video di Cubit

lunedì, 9 ottobre 2017

Online il nuovo video di Cubit News In occasione del decennale celebrato lo scorso 5 ottobre alla Camera di Commercio, presentiamo il nuovo video promozionale di Cubit. Clicca sull’anteprima qui a fianco per vederlo.

CUBIT compie 10 anni!

mercoledì, 27 settembre 2017

CUBIT compie 10 anni! News

Cubit celebra il suo decennale con un evento inserito nel programma dell’Internet Festival. Sarà l’occasione per conoscere le più significative esperienze di trasferimento tecnologico messe in campo nei primi dieci anni di attività di Cubit e per dare uno sguardo agli scenari futuri del mondo delle telecomunicazioni. Conosceremo i principali casi di successo sviluppati con  i soci, come Seco, Rico, Witech, Netresults ed i partner (Analytical Cetace, Sensor ID, Nuvap ed altri) che hanno visto idee trasformarsi in soluzioni e prodotti fortemente innovativi, frutto di collaborazioni con gruppi di ricerca di rilievo nazionale e internazionale.  

In occasione dell’evento alle 12.15 sarà inaugurata la mostra fotografica “Cuore pisano” , in ricordo di Francesco Batoni, dipendente Cubit recentemente scomparso.

Clicca qui per scaricare il programma

Info ed iscrizioni: manuela.tassoni@cubitlab.com

Online la Newsletter n. 4 del Progetto Power

giovedì, 25 maggio 2017

La Newsletter n. 4 – Maggio 2017 del progetto POWER è online. La quarta newsletter introduce le strategie di water governance della città inglese di Milton Keynes, impegnata sul fronte della riduzione del consumo di acqua da pate di privati ed aziende.

Viene inoltre presentato il nuovo progetto di ricerca netWORKS 4, che indaga le interconnessioni  tra sviluppo urbano ed infrastruttura idrica..

Il Progetto ‘Political and sOcial awareness on Water EnviRonmental challenges (POWER)’ è finanziato nell’ambito del programma H2020, Call ICT10c-2015. Il Consorzio del progetto POWER, comprendente 12 partner (tra cui CUBIT), mira alla creazione di una Digital Social Platform (DSP) per l’espansione e la governance dei network  esistenti nell’ambito del water management, attraverso il coinvolgimento degli stakeholders nella realizzazione di prodotti e servizi digitali per i cittadini.

Maggiori informazioni: http://www.power-h2020.eu.

Sistemi APA di ISTech scelti per “Taormina Smart”

mercoledì, 24 maggio 2017

ISCLEANAIR, start-up dell’azienda ISTech, socio di CUBIT, e Olivetti, partner del progetto “Taormina Smart”, presenteranno, nell’ambito del Summit G7, APA TOTEM, una soluzione innovativa per la purificazione dell’aria, che fornisce al contempo servizi multimediali, evoluti e innovativi basati su tecnologie IoT.

Per tutta la durata del G7, tre sistemi APA TOTEM saranno a disposizione di delegati, giornalisti e partecipanti al Summit per fornire informazioni real-time riguardanti la logistica, gli spostamenti e gli eventi in programma durante l’evento.

La tecnologia APA abbatte le emissioni in atmosfera impiegando solamente acqua, senza alcuna sostanza additiva, con un basso consumo di energia rispetto a prodotti o metodi tradizionali; l’aria, infatti, è aspirata, lavata e reimmessa pulita in atmosfera. L’APA TOTEM, grazie a brevetti e innovazioni di rilievo, non utilizza alcun filtro e genera solo acqua di raccolta, di facile e semplice smaltimento. Il punto di forza principale di APA è di essere realizzata come tecnologia di servizio per le zone di lavoro, stazionamento e transito delle persone, dagli ambiti industriali e produttivi alle aree di tipo urbano.

Siamo molto soddisfatti di collaborare con Olivetti e mettere a disposizione del G7 e della città di Taormina le soluzioni tecnologiche APA” – ha dichiarato Giuseppe Spanto, CEO di IS CLEAN AIR “Le nostre sono innovazioni integralmente “Made in Italy”, arricchite da competenze e contenuti di Olivetti e del Gruppo TIM per abilitare a soluzioni di servizio operativo, ambientale e sociale che è molto importante presentare e promuovere per sensibilizzare l’opinione pubblica, i media, gli stakeholder e i decision maker sulla fondamentale esigenza d’intervenire con soluzioni concrete, incisive e sostenibili per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo”.

Dopo numerosi anni di ricerca, alla fine del 2011 prendono il via i primi test sul campo di APA, i quali forniscono risposte rilevanti tanto a livello industriale quanto in aree urbane inquinate. Dopo i primi casi pilota, i sistemi APA sono stati sperimentati a lungo con risultati sempre più soddisfacenti e, in particolare, con riscontri molto interessanti durante le applicazioni nell’area passeggeri e negli spazi di lavoro dell’aeroporto di Ciampino e in alcuni centri di raccolta, lavorazione e smistamento di rifiuti. Da alcuni mesi è stato avviato il programma di sviluppo, anche a livello internazionale, ed è stato avviato un ampio dialogo con le amministrazioni pubbliche.

La nostra proposta – conclude Spanto è concreta per risolvere il problema dell’inquinamento atmosferico e diventa particolarmente interessante in ottica “Smart City” poiché permette di ripensare e riprogettare gli spazi urbani con proposte di design e di integrare altri strumenti intelligenti per l’ambiente urbano delle città di domani, sempre più affollate, sempre più inquinate. In Italia e all’estero solo ora si affacciano idee e proposte per intervenire a livello suolo; noi abbiamo oltre dodici anni di studi e analisi, know – how, brevetti e strategie flessibili e scalabili e lavoriamo con intensità e passione in collaborazione con amministrazioni, cittadini e aziende per un futuro migliore ”.

Contatti:
ISCLEANAIR
Giuseppe Spanto
gspanto@iscleanair.com

 

We’re hiring!

lunedì, 22 maggio 2017

Stiamo cercando per la nostra sede di Pisa un Project Manager da inserire a supporto alle attività  di progetti europei ed erogazione di servizi alle imprese.

Il candidato dovrà possedere la laurea vecchio ordinamento o laurea Magistrale ed avere una comprovata esperienza almeno triennale nei seguenti ambiti:

  • Sviluppo tematiche legate alla progettazione europea in risposta a bandi europei per la ricerca e al monitoraggio dei progetti europei ed internazionali di ricerca e sviluppo;
  • Analisi di mercato e di supporto all’implementazione di progetti ad alto valore innovativo e di sviluppo infrastrutturale;
  • Attività di scouting informativo e tecnologico aziendale volte all’individuazione di servizi e soluzioni tecnologiche;
  • Sviluppo di attività di comunicazione e di marketing a livello nazionale;
  • Esecuzione di ricerche web-based su linee guida dei Programmi di finanziamento, bandi, progetti già  finanziati, consorzi e potenziali partners; conoscenza delle regole di presentazione dei progetti, della modulistica, di gestione open-access dei dati, di ammissibilità  dei costi, di rendicontazione delle spese sostenute.

Indispensabile la conoscenza di livello intermedio della lingua inglese scritta e parlata. Sarà considerata preferenziale una precedente esperienza maturata nel settore  ICT e dei trasporti. Completano il profilo:

  • buona conoscenza ed uso di social network, buone capacità di redazione di testi editoriali e di contenuti multimediali funzionali alla comunicazione delle attività progettuali.
  • buona capacità di utilizzo del pacchetto Office
  • basi e conoscenze degli standard di Project Management.
  • capacità relazionali, capacità di analisi e di sintesi, attitudine al problem solving, autonomia organizzativa e propensione al lavoro in team.

Le candidature dovranno pervenire tramite la piattaforma Indeed, maggiori dettagli ed informazioni sul profilo al seguente link https://goo.gl/wuSYlq

 

 

La terza ​Newsletter del progetto POWER è online!

martedì, 14 marzo 2017

E’ online la Newsletter n.3 – Febbraio 2017 del progetto POWER. La terza Newsletter approfondisce City Blueprint, il tool sviluppato nell’ambito del progetto per supportare le città nel percorso per divenire sostenibili dal punto di vista del water management. Nel 2050, l’87% della popolazione nei paesi sviluppati vivrà in centri urbani. In questo scenario, l’approvvigionamento idrico sarà inferiore del 40% rispetto alla domanda. Le conseguenze dei cambiamenti climatici non lasciano scelta nelle politiche di water management.

Per approfondire City Blueprint® Approach, è stato realizzato questo video (3:57) con Stef Koop from KWR.

Il Progetto ‘Political and sOcial awareness on Water EnviRonmental challenges (POWER)’ è finanziato nell’ambito del programma H2020, Call ICT10c-2015. Il Consorzio del progetto POWER, comprendente 12 partner (tra cui CUBIT), mira alla creazione di una Digital Social Platform (DSP) per l’espansione e la governance dei network  esistenti nell’ambito del water management, attraverso il coinvolgimento degli stakeholders nella realizzazione di prodotti e servizi digitali per i cittadini.

Maggiori informazioni: http://www.power-h2020.eu.

CUBIT. Progetto C​ubus finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020