Prof. Ing. Giovanni Lombardi

Prof. Ing. Giovanni Lombardi Giovanni Lombardi è Professore dal 1990 di Aerodinamica degli Aeromobili presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale e dal 2005 di Aerodinamica dei Veicoli presso il Dipartimento di Ingegneria dei Veicoli, entrambi i corsi della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa. E’ Direttore del Master dell’Università di Pisa in “Yacht Engineering” dalla sua attivazione (2005) e membro del Consiglio di dottorato in Ingegneria Aerospaziale dell’Università di Pisa. Ha tenuto il modulo di “Fluidodinamica” in vari Master, anche presso altre Università, e corsi di Aerodinamica presso Experis (Maranello) e Maserati-Alfa Romeo (Modena).

Autore di oltre 120 pubblicazioni scientifiche e di 90 Report tecnici, è revisore per diverse riviste internazionali. Il Prof. Lombardi svolge prevalentemente la propria attività scientifica presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell’Università di Pisa occupandosi, prima come collaboratore e poi come responsabile principale, di ricerche nell’ambito dell’aerodinamica, in campo soprattutto sperimentale, ma anche numerico.

Dal 1989 il Prof. Lombardi è il responsabile di una collaborazione del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale di Pisa con il CSIR (Council for Scientifical and Industrial Research) di Pretoria (Repubblica Sudafricana), nell’ambito della quale sono state sviluppate differenti attività di ricerca, basate principalmente su campagne sperimentali effettuate nelle gallerie del vento transonica e supersonica del CSIR. In tali attività il Prof. Lombardi è stato il principale responsabile della progettazione delle prove (definizione di geometrie, grandezze da misurare, condizioni di prova) e dell’analisi dei risultati. Giovanni Lombardi è il responsabile della Convenzione tra il Dipartimento di ingegneria Aerospaziale di Pisa e la FERRARI S.p.A., attiva dal 2000, nell’ambito della quale collabora CUBIT. E’ stato inoltre responsabile della cooperazione tra Università di Pisa e “Clan Des team Challenger” per il supporto scientifico per la Coppa America del 2007, nonché coordinatore tecnico del team AC “Racing Green Comm”.

In generale, ha sempre cercato un legame tra lo sviluppo sperimentale e quello della numerica all’interno di una ricerca, utilizzando entrambi i metodi per ottenere risultati che non avrebbero potuto essere conseguiti con uno solo dei due approcci. L’accento è stato posto sugli aspetti fisici della ricerca e sulle applicazioni industriali, utilizzando in ogni caso le tecniche, numeriche e / o sperimentali, che meglio si adattavano all’analisi delle questioni fondamentali coinvolti nella particolare investigazione.

Prof. Ing. Giovanni Lombardi

CUBIT. Progetto C​ubus finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020